baciamolemani

Chi siamo

La nostra storia e dove stiamo andando

Baciamolemani

Direttamente nel cuore della Sicilia, nasce la banda Baciamolemani. Una piccola orchestra dal sapore tropicale, capace di coinvolgere e portare la festa,  il sorriso e l’allegria ad oltre tre generazioni di spettatori. Un viaggio alla ricerca di ritmi, tra sonorità globali, tradizioni e cultura popolare. Tempi frenetici di grancassa e piatti, rumbe, mazurke da ballare in coppia tra ritmi ska in levare e charleston che mettono a dura prova le articolazioni. Il tutto squisitamente condito dalla singolare teatralità di ognuno dei nove componenti della banda, che, con quella sfrontatezza italiana che tanto incanta e innamora riportano lo spettatore nei luoghi di un passato quanto mai attuale e nelle storie di personaggi senza tempo.

“Baciamolemani” è un tipico modo di dire siciliano usato per riverire persone “degne di rispetto”. 9 musicisti ragusani lo hanno scelto come nome giocando ironicamente su questo stereotipo ormai caduto in disuso nelle strade ma non nei costumi siciliani.

I Baciamolemani nascono come gruppo ska nella primavera del 2006 da alcuni componenti del giovane gruppo folk ragusano “Underhouse” e al tempo stesso sono musicalmente figli dell’ “Orchestra Milleluci Emallume di Carazzi” e delle loro tarantelle e tipiche canzoni d’autore italiane.
Un anno dopo esce il loro primo disco “Ballacazzìz”. Un disco tutto in levare che va dallo ska al reggae, dalla canzone melodica italiana all’omaggio al cantautore italiano Paolo Conte. Il tutto portato avanti dal singolo reggae-pop “Musa” e da “La Gita a Pedalino” canzone che porta il gruppo a sperimentare al di fuori da ogni genere musicale mescolando ritmi forsennati a valzer e mazurke di paese.
Il tour di Ballacazzìz porta i Baciamolemani ad esibirsi con gruppi storici italiani come gli Africa Unite e Roy Paci & Aretuska e a varcare i confini nazionali approdando per la prima volta in Spagna a Barcellona nel novembre 2008 e nel giugno 2009.
L’esperienza spagnola porta il gruppo ad aprirsi a nuove contaminazioni dalle quali nasce il brano “Vicoli” di ispirazione Cumbia che, oltre a raccontare direttamente i viaggi della Band, rappresenta una virata verso sonorità più acustiche e ricercate insieme a testi sempre più ispirati e biografici.
Pochi mesi dopo i Baciamolemani rafforzano la loro ricerca con il brano “I Ruffiani” dove mischiano liberamente ritmi e sonorità bandistiche siciliane a strumenti giocattolo marinareschi come ukulele e organetto. Con “I Ruffiani” i Baciamolemani raggiungono la finalissima del Festival della Canzone Siciliana e vincono il Lennon Festival con grande apprezzamento di pubblico e di critica.
Nell’aprile 2011 esce il secondo disco “L’Albero delle Seppie” (Kasba Music 2012). Oltre 20 strumenti suonati per un disco senza frontiere musicali e ricco di collaborazioni tra le quali spicca quella con i catalani “La Pegatina” nel singolo “La Corriera” che farà da apripista nei fortunati tour spagnoli di Febbraio e Maggio 2012.
In poco più di un anno l’ “Eurocorriera Tour” conta già più di 100 concerti effettuati in 4 diversi paesi europei (Spagna, Italia, Francia e Belgio).

 

 

 

Commenta:


Choose your language Versione Italiana Espanol